testata
Warning
  • Autorizzazione utilizzo Cookie

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Leggi la direttiva europea sulla Privacy

Home La tutela del lavoro Dacca-Bangladesh 24 aprile 2013 più di 1100 morti: in un minuto e in un luogo più morti che in Italia in un anno!
Dacca-Bangladesh 24 aprile 2013 più di 1100 morti: in un minuto e in un luogo più morti che in Italia in un anno!
Martedì 28 Maggio 2013 22:27

Come tutti sanno il 24 aprile sono crollati a Savar, nella periferia di Dacca, 8 piani di un edificio fragile e abusivo, carico di sfruttamento e macchinari causando più di 1100 morti. Ovvero in un solo minuto ed in un solo luogo un numero di morti superiore a quello che avviene in Italia! Vogliamo pubblicare la lettera della fotografa attivista di Dacca Taslima Akhter che più di ogni altro commento ci rappresenta “

Negli ultimi cinque anni, attraverso le mie fotografie, ho cercato di battermi contro i bassissimi salari e le condizioni di insicurezza dei lavoratori in Bangladesh. A volte i proprietari delle aziende e il nostro governo cercano di rappresentare gli attivisti come me, i sindacalisti e gli operai come nemici della industrializzazione. E’ la solita storia che si usa sempre per attaccare i diritti dei lavoratori. Ma come attivista e come fotografa voglio dire questo: noi siamo favorevoli allo sviluppo dell’industrializzazione – Crediamo però che, se non vengono migliorate le condizioni dei lavoratori, con salari giusti e con adeguate norme di sicurezza, questo sviluppo non sarà possibile.

E n on si tratta soltanto di una questione locale che interessa il mio Paese: è una questione internazionale. I prodotti del mio paese vengono venduti a prezzi stracciati e la nostra mano’opera è la più economica del mondo. Il Governo e le leggi permettono che i lavoratori non vengano protetti. I compratori internazionali non si curano di quanto vengano pagati o delle condizioni di produzione. Scrivo queste parole per accompagnare le mie foto perché voglio chiarire questo punto, e spero che siate d’accordo con me: la mia non è propaganda contro l’industria, voglio solo che tutti capiscano che i lavoratori non sono degli oggetti da sfruttare per fare soldi e basta. Sono esseri umani con le loro vite, le loro famiglie, i loro sogni.

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Maggio 2013 22:30
 

Ultime notizie

DICIAMO NO alle campagne informative sui prodotti del tabacco condotte dalle multinazionali del tabacco Testo inviato alla mailing list di giornalisti che si occupano di salute, a Ministro dell'Ambiente, Ministro della Salute, Parlamentari , Componenti d... Read more
HEAT SHIELD: un altro contributo Clima e salute un tema del presente e del futuro. Il link al sito del programma di ricerca HEAT-SHIELD: https://www.heat-shield.eu/ Read more
WHP in Toscana: un appuntamento a Pisa il 5 aprile La promozione della salute quando e dove si lavora Read more
Vaccinazioni documenti utili Documenti, lettera, circolare. Read more
A 30 anni dalla tragedia Elisabetta Montanari A 30 anni dalla tragedia Elisabetta Montanari, una nota di Bruzio Bisignano. Read more

Privacy Policy