testata
Warning
  • Autorizzazione utilizzo Cookie

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Leggi la direttiva europea sulla Privacy

Home La tutela del lavoro Dacca-Bangladesh 24 aprile 2013 più di 1100 morti: in un minuto e in un luogo più morti che in Italia in un anno!
Dacca-Bangladesh 24 aprile 2013 più di 1100 morti: in un minuto e in un luogo più morti che in Italia in un anno!
Martedì 28 Maggio 2013 22:27

Come tutti sanno il 24 aprile sono crollati a Savar, nella periferia di Dacca, 8 piani di un edificio fragile e abusivo, carico di sfruttamento e macchinari causando più di 1100 morti. Ovvero in un solo minuto ed in un solo luogo un numero di morti superiore a quello che avviene in Italia! Vogliamo pubblicare la lettera della fotografa attivista di Dacca Taslima Akhter che più di ogni altro commento ci rappresenta “

Negli ultimi cinque anni, attraverso le mie fotografie, ho cercato di battermi contro i bassissimi salari e le condizioni di insicurezza dei lavoratori in Bangladesh. A volte i proprietari delle aziende e il nostro governo cercano di rappresentare gli attivisti come me, i sindacalisti e gli operai come nemici della industrializzazione. E’ la solita storia che si usa sempre per attaccare i diritti dei lavoratori. Ma come attivista e come fotografa voglio dire questo: noi siamo favorevoli allo sviluppo dell’industrializzazione – Crediamo però che, se non vengono migliorate le condizioni dei lavoratori, con salari giusti e con adeguate norme di sicurezza, questo sviluppo non sarà possibile.

E n on si tratta soltanto di una questione locale che interessa il mio Paese: è una questione internazionale. I prodotti del mio paese vengono venduti a prezzi stracciati e la nostra mano’opera è la più economica del mondo. Il Governo e le leggi permettono che i lavoratori non vengano protetti. I compratori internazionali non si curano di quanto vengano pagati o delle condizioni di produzione. Scrivo queste parole per accompagnare le mie foto perché voglio chiarire questo punto, e spero che siate d’accordo con me: la mia non è propaganda contro l’industria, voglio solo che tutti capiscano che i lavoratori non sono degli oggetti da sfruttare per fare soldi e basta. Sono esseri umani con le loro vite, le loro famiglie, i loro sogni.

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Maggio 2013 22:30
 

Ultime notizie

Ravenna 10-11 ottobre, la salute e la sicurezza sul lavoro. Il patrimonio di esperienze e conoscenze italiane nel contesto internazionale. Resoconto Read more
Mesoteliomi : il 6° rapporto RENAM Il VI Rapporto del Registro nazionale dei mesoteliomi riporta i dati di incidenza e di esposizione ad amianto per i casi di mesotelioma maligno rileva... Read more
Comunicato sull'indipendenza dall'industria del tabacco delle società e altre istituzioni scientifiche italiane DIFENDIAMO LA LIBERTA’ DEL DIBATTITO SCIENTIFICO DALL’INFLUENZA DELL’INDUSTRIA DEL TABACCO Read more
Vittime : una raccolta di racconti di infortuni sul lavoro Scaricabile  dal sito DORS  https://www.dors.it sia in formato pdf che in formato di e-book (estensione e-pub) Read more
Salerno settembre 2018. a 40 anni dalla 833: Il documento CGIL CISL UIL Restituire  forza al Servizio Sanitario Nazionale per il diritto universale alla salute Read more
Dieci anni del D.Lgs. 81/08: le ultime novità del quadro legislativo e le proposte CIIP tra semplificazione e innovazione I professionisti che appartengono alle Associazioni Scientifiche e Tecniche che compongono CIIP, valutano punti di forza e alcune criticità della norm... Read more
Antibiotico resistenza : da UE un approccio ONE HEALTH Piano d'azione europeo "One Health" contro la resistenza antimicrobica Read more
Le emergenze veterinarie in caso di eventi straordinari: dal 10 al 13 settembre un’esercitazione interregionale a Napoli Nel 2017 la Regione Campania ha istituito il CeRVEnE (centro regionale di riferimento veterinario per le emergenze non epidemiche), con compiti di sup... Read more
Seminario Nazionale su Rischio biomeccanico Il link con i materiali www.asurzona13.marche.it Read more

Privacy Policy