testata
Warning
  • Autorizzazione utilizzo Cookie

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Leggi la direttiva europea sulla Privacy

Home La tutela del lavoro Dacca-Bangladesh 24 aprile 2013 più di 1100 morti: in un minuto e in un luogo più morti che in Italia in un anno!
Dacca-Bangladesh 24 aprile 2013 più di 1100 morti: in un minuto e in un luogo più morti che in Italia in un anno!
Martedì 28 Maggio 2013 22:27

Come tutti sanno il 24 aprile sono crollati a Savar, nella periferia di Dacca, 8 piani di un edificio fragile e abusivo, carico di sfruttamento e macchinari causando più di 1100 morti. Ovvero in un solo minuto ed in un solo luogo un numero di morti superiore a quello che avviene in Italia! Vogliamo pubblicare la lettera della fotografa attivista di Dacca Taslima Akhter che più di ogni altro commento ci rappresenta “

Negli ultimi cinque anni, attraverso le mie fotografie, ho cercato di battermi contro i bassissimi salari e le condizioni di insicurezza dei lavoratori in Bangladesh. A volte i proprietari delle aziende e il nostro governo cercano di rappresentare gli attivisti come me, i sindacalisti e gli operai come nemici della industrializzazione. E’ la solita storia che si usa sempre per attaccare i diritti dei lavoratori. Ma come attivista e come fotografa voglio dire questo: noi siamo favorevoli allo sviluppo dell’industrializzazione – Crediamo però che, se non vengono migliorate le condizioni dei lavoratori, con salari giusti e con adeguate norme di sicurezza, questo sviluppo non sarà possibile.

E n on si tratta soltanto di una questione locale che interessa il mio Paese: è una questione internazionale. I prodotti del mio paese vengono venduti a prezzi stracciati e la nostra mano’opera è la più economica del mondo. Il Governo e le leggi permettono che i lavoratori non vengano protetti. I compratori internazionali non si curano di quanto vengano pagati o delle condizioni di produzione. Scrivo queste parole per accompagnare le mie foto perché voglio chiarire questo punto, e spero che siate d’accordo con me: la mia non è propaganda contro l’industria, voglio solo che tutti capiscano che i lavoratori non sono degli oggetti da sfruttare per fare soldi e basta. Sono esseri umani con le loro vite, le loro famiglie, i loro sogni.

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Maggio 2013 22:30
 

Ultime notizie

Delibera del Consiglio dei Ministri 29 luglio 2020   Proroga dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmis... Read more
Decreto Legge 30 luglio 2020 n. 83   Misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020. Read more
DPCM 14 luglio 2020 Proroga al 31 luglio 2020 delle misure del Dpcm 11 giugno 2020, con allegate Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche, Produttiv... Read more
Nota per la revisione dell’organizzazione della Prevenzione in Regione Lombardia redatta dal gruppo di lavoro intersocietario delle Società della prevenzione lombarde In vista della rielaborazione del PSSR e della ridefinizione del PRP, il gruppo di lavoro costituito dalle sezioni regionali lombarde delle Società ... Read more

Privacy Policy