testata
Warning
  • Autorizzazione utilizzo Cookie

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Leggi la direttiva europea sulla Privacy

Home La prevenzione a tutto campo Bussi, la discarica più grande d'Europa
Bussi, la discarica più grande d'Europa
Mercoledì 03 Ottobre 2012 11:42

Discarica BussiIl 26 ottobre si terrà l’udienza di Camera di Consiglio presso la Prima Sezione della Corte Suprema di Cassazione a Roma ove si deciderà sul ricorso proposto dall’associazione Codici e dalla Procura della Repubblica di Pescara avverso la sentenza del Tribunale del gup di Pescara del maggio 2011 sulla mega discarica di Bussi.

Perché in Italia può succedere che nel bel mezzo del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga si nasconda la discarica più grande di tutta Europa: 500 mila tonnellate di rifiuti sotterrati fino a 6 metri e che ricoprono una superficie grande come venti campi da calcio.

Negli anni '60 il sito chimico-industriale divenne un cantiere permanente, luogo di scarichi su terreni un tempo destinati all'agricoltura e alla viticoltura dando via alla contaminazione dell'acqua potabile che riforniva la cittadinanza abruzzese.

Nella primavera del 2007 partì un processo che vide imputate 19 persone della Montedison, accusate di disastro doloso e avvelenamento delle acque, e otto dirigenti delle società gestrici dell'acqua in Abruzzo (Ato e Aca) accusati, a vario titolo, di commercio di sostanze contraffatte e di turbata libertà degli incanti (già usciti dal processo perché per i giudici «il fatto non sussiste»). Restano sotto accusa i vertici della Montedison, non più per avvelenamento delle acque ma per adulterazione che consiste in una contaminazione che non raggiunge livelli di alta gravità.

I veleni interrati per oltre un secolo: Cloroformio, Tetracloruro di Carbonio, Esacloretano, Percloroetilene, Tetracloretano, metalli pesanti, Idrocarburi Paraffinici. Ad oggi i rifiuti restano depositati nella valle rivestiti da un telone che copre le aree contaminate e in più l'acqua piovana e il fiume continuano a far girare le sostanze tossiche.

La fine di questa storia deve ancora arrivare dalle autorità. Non si sa ancora per quanto tempo dovremo aspettare, per adesso non è possibile prevedere neanche una data certa per l'inizio della bonifica del sito. D'altronde questa, è solo una storia locale.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Ottobre 2012 21:51
 

Ultime notizie

Gruppo Porti e Navi : incontri Formativi nazionali È disponibile  il materiale didattico del percorso di formazione al sito ASL di Trieste che segue:asuits.sanita.fvg.it/formazione nazionale grupp... Read more
I Fattori di rischio lavorativi e soluzioni attraverso le attività di vigilanza e assistenza delle istituzioni link materiali  Convegno  INAIL del 28 marzohttps://www.inail.it/cs/internet/comunicazione/news-ed-eventi/eventi/evento-convegno-ccm-fattori... Read more
Milano 16-17 luglio: il III Forum del Gruppo Tecnico Interregionale Salute e Sicurezza sul Lavoro Un’iniziativa rivolta a tutti gli operatori della prevenzioneLink agli atti dell’iniziativa. Read more
Malattie professionali e valutazione dei rischi Chi desideri inviare un contributo può farlo pervenire all’indirizzo presidenza@snop.it La pubblicazione avverrà a cura dell’Ufficio di Presid... Read more
Casa degli RLS Milano 19 giugno: RLS e organi di vigilanza Il  link  alla pagina del sito CIIP con le presentazioni al seminario su RLS ed Organi di controllo del CCP di Milano del 19 giugno Read more
I materiali della Convention dei Dipartimenti di Prevenzione I materiali della 7° Convention dei Dipartimenti di Prevenzione svoltasi a Rimini il 10 maggio 2019 Clicca qui Read more
Bologna 12 giugno : Seminario APP Ambienti confinati Link materiali  Convegno: https://safetyengineering.din.unibo.it/news/2477 Read more

Privacy Policy