testata
Warning
  • Autorizzazione utilizzo Cookie

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Leggi la direttiva europea sulla Privacy

Home La prevenzione a tutto campo Bussi, la discarica più grande d'Europa
Bussi, la discarica più grande d'Europa
Mercoledì 03 Ottobre 2012 11:42

Discarica BussiIl 26 ottobre si terrà l’udienza di Camera di Consiglio presso la Prima Sezione della Corte Suprema di Cassazione a Roma ove si deciderà sul ricorso proposto dall’associazione Codici e dalla Procura della Repubblica di Pescara avverso la sentenza del Tribunale del gup di Pescara del maggio 2011 sulla mega discarica di Bussi.

Perché in Italia può succedere che nel bel mezzo del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga si nasconda la discarica più grande di tutta Europa: 500 mila tonnellate di rifiuti sotterrati fino a 6 metri e che ricoprono una superficie grande come venti campi da calcio.

Negli anni '60 il sito chimico-industriale divenne un cantiere permanente, luogo di scarichi su terreni un tempo destinati all'agricoltura e alla viticoltura dando via alla contaminazione dell'acqua potabile che riforniva la cittadinanza abruzzese.

Nella primavera del 2007 partì un processo che vide imputate 19 persone della Montedison, accusate di disastro doloso e avvelenamento delle acque, e otto dirigenti delle società gestrici dell'acqua in Abruzzo (Ato e Aca) accusati, a vario titolo, di commercio di sostanze contraffatte e di turbata libertà degli incanti (già usciti dal processo perché per i giudici «il fatto non sussiste»). Restano sotto accusa i vertici della Montedison, non più per avvelenamento delle acque ma per adulterazione che consiste in una contaminazione che non raggiunge livelli di alta gravità.

I veleni interrati per oltre un secolo: Cloroformio, Tetracloruro di Carbonio, Esacloretano, Percloroetilene, Tetracloretano, metalli pesanti, Idrocarburi Paraffinici. Ad oggi i rifiuti restano depositati nella valle rivestiti da un telone che copre le aree contaminate e in più l'acqua piovana e il fiume continuano a far girare le sostanze tossiche.

La fine di questa storia deve ancora arrivare dalle autorità. Non si sa ancora per quanto tempo dovremo aspettare, per adesso non è possibile prevedere neanche una data certa per l'inizio della bonifica del sito. D'altronde questa, è solo una storia locale.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Ottobre 2012 21:51
 

Ultime notizie

Milano 18 marzo Sorveglianza Sanitaria:certezze e problemi aperti Primo Seminario di presentazione  del Documento CIIP Read more
Documento di consenso CIIP sulla sorveglianza sanitaria ll gruppo di lavoro CIIP sul tema della sorveglianza sanitaria, al quale la SNOP partecipa attivamente, ha appena reso disponibile un Documento di C... Read more
Contrastare disomogeneità e disuguaglianze: la grande sfida del sistema di prevenzione Il contributo SNOP al seminario inaugurale del Master di I livello in igiene industriale, prevenzione e sicurezza dell’Università di Pisa. Read more
Le proposte di Legambiente per un Green New Deal Un Dossier sulle 170 opere prioritarie secondo Legambiente (in vista del cronoprogramma sul Green New Deal della Commissione UE che vedrà al centro la... Read more
Due Seminari CANC TUM 2020 a Civitanova Marche Nell’ambito delle iniziative CANC TUM 2020, lo SPreSAL Epi Occ della ASUR Marche – con il patrocinio di SNOP -  organizza a Civitanova Marche due... Read more
A 15 anni dalla Legge Sirchia per la tutela dal fumo passivo, un indice ragionato da Tabacco Endgame Un cambiamento, solo in apparenza piccolo, nella vita degli Italiani, del modo in cui essi convivono e della loro salute. Read more
Claudio Stanzani Il 2019 ha portato via Claudio Stanzani, figura intelligente e appassionata del sindacalismo italiano ed europeo.Oltre alla copertina del recente vol... Read more
Il futuro da Bruxelles: che forma di società vogliamo? Un resoconto di Giulio Andrea Tozzi sulla conferenza ETUI del 3-4 dicembre 2019.Le occasioni per guardarsi intorno e dare un’occhiata d’assieme alle d... Read more
Bilbao, 12-13 novembre 2019: Ambienti di lavoro sani e sicuri Nei giorni 12 e 13 novembre 2019 si è tenuto a Bilbao il Vertice dell’Agenzia Europea perContinua qui... Read more
Storia 30 anni CIIP Negli ultimi 30 anni alcune Associazioni di professionisti della prevenzione hanno voluto costruire e far crescere un ambito di confronto fra le diver... Read more
A proposito di prevenzione, infortuni sul lavoro e indicatori Il 24 ottobre 2019, nel corso della comunicazione sulle linee programmatiche del suo Dicastero alle Commissioni Igiene e Sanità del Senato e Affari ... Read more

Privacy Policy